Archivio per l'etichetta ‘maleducazione

La scuola è uno zoo?   23 comments

Io credo di no. Vogliono farla apparire così e per questo non esitano a far leva sui peggiori istinti degli studenti e sulle loro manie di emulazione e protagonismo.

A cosa mi riferisco?

Mi riferisco al servizio che ho visto ieri sera al telegiornale. Si parlava di un sito web denominato “scuolazoo” nel quale sono raccolti i pubblicati tutti i video che gli studenti realizzano con il telefonino. Il commento della giornalista avvalorava l’ipotesi dello zoo e a titolo esemplificativo del contenuto del sito sono stati mostrati due video, evidentemente ritenuti divertenti: nel primo si vedeva uno studente che incendiava la verifica scritta perchè valutata negativamente, nel secondo si vedeva uno studente che, mentre il supplente stava spiegando qualcosa alla lavagna, gli si è avvicinato e gli ha abbassato i pantaloni.

A questo punto mi sarei aspettata dalla giornalista una dura stigmatizzazione del commento sui comportamenti dei due studenti. Il gesto dei pantaloni in particolare non mi pare per nulla divertente, anzi è una gravissima mancanza di rispetto nei confronti dell’uomo che in quel momento era supplente e per questo è un gesto di grande maleducazione.

Invece niente. E come se non bastasse ecco l’immancabile “il gesto è stato compiuto in presenza dell’insegnante che naturalmente non ha mosso un dito“.  La colpa dei fatti è stata così fatta ricadere sull’insegnante, colpevole di non essere intervenuto.  

Perchè a quanto pare il ruolo di educatori è demandato in esclusiva ai docenti: così tutti gli altri se ne possono lavare le mani. Non importa se alla televisione, sui giornali e, ahimè, in famiglia vengono proposti e incoraggiati modelli ed atteggiamenti negativi, se gli studenti sono bestie è colpa dei docenti, non colpa mia o tua o sua.

E ancora. E’ stato intervistato  l’ideatore del sito che si è detto molto divertito della cosa e contento del successo ottenuto. Anche da lui nessuna stigmatizzazione dei contenuti dei video, anzi un invito a realizzare e poi filmare altre imprese simili a queste. Il motivo mi pare più che evidente, anche lui deve la sua fama e la sua celebrità alla persistenza di questi cattivi comportamenti.

Infatti nell’home page del sito c’è un invito e soprattutto un incoraggiamento a realizzare altre imprese simili a queste: “Scuolazoo è il sito che renderà celebri le vostre imprese scolastiche!”. Perchè è questo che fa gola. L’attimo di celebrità. Non fa nulla se la celebrità è negativa, basta apparire e magari trovare il modo di andare al GF, cosa che a quanto pare è la “massima” aspirazione degli studenti……ma sarà vero o è soltanto una cosa inventata per fare pubblicità alla trasmissione GF? 

E poi via con una nuova impresa dal titolo “Arrivare in ritardo al mattino e tirare giù la porta della classe non ha prezzo” . Evviva!!! applaudiamo il vandalo!!! Lui si che è un gran “figo”, le porte non le apre ma le rompe. Deve aver pensato la stessa cosa lo studente che ieri nella mia scuola è stato fermato mentre infieriva a pugni e calci sulla porta del bagno. Peccato che l’eroe non abbia rotto la porte della sua cameretta ma quella della classe. Nella scuola. Una proprietà di tutti, non sua. Spero che gliel’abbiano  fatta pagare a peso d’oro.

E poi, per finire, il banner: Basta studiare. E’ ora di copiare. Da oggi puoi copiare senza sgamare. Clicca qui per scoprire come. Perchè oggi studiare ed avere una istruzione non è più un valore. E’ invece diventato un segno distintivo la furbizia. Perchè stupirsene, i giornali non insegnavano a eludere i controlli degli autovelox? e in periodo di Esame di Stato (fine di Maggio e Giugno) gli inserti del Corriere della Sera (non il giornale che regalano sul metro) non sono pieni di interviste con attori, cantanti e altri idoli giovanili che spiegano come sono riusciti a passare l’esame di maturità senza avere studiato e copiando la prima, la seconda e la terza prova? ma perchè gli studenti dovrebbero prendere sul serio la scuola? ecchè, sono forse fessi?

Annunci