Archivio per febbraio 2009

Sabato   5 comments

Che fatica: il tempo ha ricominciato a scorrere velocemente e ora ho un sacco di cose da fare e poco tempo per farle. Insomma siamo tornati alla normalità. E lunedì si torna a scuola, mannaggia il carnevale ambrosiano è finito…

Comunque nel pomeriggio ho trovato il tempo di dare una scorsa al giornale. Una cosa desolante e molto triste tra le notizie sulla crisi, sul PD, sul ddl sulle nuove regole sugli scioperi dei trasporti (che probabilmente si estenderanno anche alle altre categorie), sull’indagine per omicidio nei confronti di Beppino Englaro e altre 14 persone….

Meno male  che tra una brutta notizia e l’altra si trovano sempre delle cose curiose e divertenti.

Per esempio la storia del matrimonio tra la ex di Leonardo Di Caprio, una certa Giselle, e un campione di Football americano. Una cosa della quale naturalmente non mi importa niente, non so neanche chi siano quei due, ma della quale cercherò su internet delle foto per la curiosità di vedere il vestito della sposa (di Dolce e Gabbana) e soprattutto il vestito dei paggetti di eccezione della coppia: a quanto pare si è presentata all’altare accompagnata dai suoi 3 cani vestiti anche loro da Dolce e Gabbana. Chissà che la coppia di stilisti milanesi non abbia trovato un nuovo settore nel quale sviluppare la creatività, quello dei cappottini per animali. Forse potrei trovare qualche cosa appropriato per quando la mia Pallina esce sul balcone, basta che anche qui non ci siano i reggiseni in vista perché quelli non mi piacciono proprio.

L’altra notizia riguarda i coniugi Beckham che a quanto pare stanno litigando per la casa italiana. Secondo il giornale lui vorrebbe trasferirsi a Laglio nella casa del suo amico George (praticamente diventerebbe anche lui un mio vicino di casa) mentre lei non ce ne avrebbe neanche per le balle di andare a vivere sul lago di Como dato che, bisogna ammettere, Laglio non è esattamente un posto di vita e con boutiques griffate. La Posh vorrebbe che lui tornasse a Los Angeles e in effetti non saprei darle torto: la mamma è preoccupata anche per la scuola frequentata dai figli, quella di Laglio non sarebbe decisamente all’altezza. Certo potrebbe mandarli a scuola a Milano o addirittura in Svizzera e raggiungere tutti i giorni la scuola con l’elicottero ma bisogna vedere se il bel George è d’accordo a fare la pista di atterraggio.

A questo proposito mi è venuta in mente una cosa che mi rode da un po’. Come tutti sanno i tre figli di Berlusconi, Luigi, Barbara e la terza che non mi ricordo come si chiama, hanno frequentato la Steiner School, una scuola con metodi didattici innovativi nella quale si impara anche a coltivare l’orto, a ricamare ecc. Ebbene, questa scuola è a Milano in Via Clericetti che, per chi non lo sapesse, è in zona lambrate. Loro abitavano ad Arcore, non proprio a due passi da Milano e dalla via Clericetti. Io mi chiedo: a che ora partivano da casa al mattino per venire a scuola? vista la distanza e il traffico almeno alle 6,00. Venivano in macchina o forse in elicottero? in tal caso dove atterrava? perché anche Linate non è vicinissima e ci vuole minimo una mezz’ora per raggiungere, da lì, la scuola. Quindi con l’elicottero potevano uscire alle 6,30 che mi sembra comunque prestissimo. Che vantaggio c’è ad essere ricchi se devi farti delle levatacce mattutine come se fossi un pendolare? per me è inconcepibile anche se a pensarci bene Berlusconi si alza molto presto al mattino e di Agnelli si diceva che telefonasse tutte le mattine alle 5,00 in punto a Boniperti ( povero Boniperti, che vita grama): evidentemente i ricchi soffrono di insonnia e come si dice “il mattino ha l’oro in bocca” che significa che le prime ore del mattino sono le migliori per fare gli affari e i soldi. Deve essere per questo che io, che non soffro di insonnia e al mattino dormo molto volentieri, sono così povera….

P.S. quello dei figli di Berlusconi è un mistero irrisolto che mi tormenta da tempo, se qualcuno potesse aiutarmi a trovare la soluzione gli sarei molto grata.

Pubblicato 28 febbraio 2009 da euclide in Di tutto un po', Mondo malato, Vita in famiglia

Taggato con , , ,

Il tempo   8 comments

Ci sono dei giorni che volano via, in un attimo mi ritrovo a sera senza essere riuscita a fare le cose che dovevo fare.

In altri giorni invece mi sembra che il tempo non scorra e che l’orologio si muova troppo lentamente: mi sembrano passate delle ore e invece quando guardo l’orologio è trascorso solo qualche minuto.

E’ da Lunedì che sono in questa situazione….da una parte è piacevole perché riesco a fare tante cose ma dall’altra è seccante perché sono sempre in anticipo e devo attendere con impazienza gli eventi.

Sto forse diventando pazza?

Pubblicato 25 febbraio 2009 da euclide in Di tutto un po'

Taggato con ,

A Wampum in Pennsylvania   3 comments

Oggi sul giornale ho letto un’altra notizia agghiacciante: un bambino di 11 anni ha sparato alla matrigna di cui era geloro e poi è andato a scuola come se niente fosse.

Vista così la cosa non è poi molto strana e di notizie del genere se ne leggono tante. A rendere incredibile la cosa sono i particolari che ci costringono ancora una volta a riflettere sul paese, gli Usa, che qualcuno vorrebbe imporci come esempio e modello di vita.

Tanto per cominciare l’arma del delitto: è una pistola che il ragazzino, di nome Jordan, ha ricevuto come regalo di Natale dal padre. Leggendo veniamo a sapere che negli Usa c’è in commercio una pistola, modello “20 gauge”, che è una calibro 20 alla quale è stato modificato il calcio per adattarlo alle mani piccole dei bambini. Nonostante sia un arma mortale, non ha bisogno di essere registrata (come tutte le armi in vendita in Pennsylvania, che siano per grandi o per piccini) e così il padre ha pensato di regalarla a Jordan e insieme si esercitavano sparando contro gli alberi dietro casa. Agghiacciante.

Ma questo non è tutto perché anche se sembra impossibile c’è molto di peggio: secondo la legge della Pennsylvania Jordan, avendo compiuto il decimo anno di età, è perseguibile e verrà processato come un adulto. E’ stato arrestato ed è in carcere con detenuti comuni accusato di duplice omicidio perché la matrigna era incinta. Se processato per direttissima rischia l’ergastolo. A 11 anni. Agghiacciante.

Che razza di sistema giudiziario è questo? assomiglia di più alla legge del far west,  quando i ladri di cavalli venivano impiccati senza processo, piuttosto che alla legge di un paese civile. E gli adulti? hanno il colpevole e quindi possono lavarsene le mani. Perché è molto più facile rinchiudere Jordan come soggetto socialmente pericoloso piuttosto che riflettere sulle responsabilità di una società e di un sistema che permettono di armare in modo così irresponsabile la mano di un bambino.

Che schifo e che barbarie. In fatto di civiltà noi europei siamo avanti anni luce rispetto a loro.

Pubblicato 23 febbraio 2009 da euclide in Di tutto un po', Mondo malato

Taggato con , , ,

La clown e il cameriere   2 comments

Premetto che ho visto pochissimo del festival di Sanremo e quindi posso giudicare solo il poco che ho visto e ascoltato.

Per esempio di canzoni ne ho sentite pochissime, quella criticatissima della Zanicchi mi è mancata completamente mentre inspiegabilmente, per uno scherzo del telecomando, mi è toccato di ascoltare almeno 4 volte l’altrettanto criticata canzone di Povia: una robina molto orecchiabile che probabilmente sarebbe passata del tutto inosservata se non ci fosse stato tutto quel clamore delle organizzazioni gay. Se prima di muoversi avessero ascoltato la canzone, assolutamente innocua e per nulla offensiva, caso mai vagamente inutile, avrebbero evitato tutto quel can can. Sono riusciti a far spostare l’attenzione sul cantante che ne ha approfittato per atteggiarsi a vittima con tanto di cartelli educativi esibiti alla fine di ogni esecuzione. E’ incredibile che sia arrivata seconda, potenza della pubblicità.

Sempre per gli scherzi del telecomando sono spesso incappata nei tragici e assolutamente deprimenti siparietti tra Bonolis e Laurenti, ha ragione chi dice che sembrava di essere nella pubblicità del caffé.

In una replica ho visto anche il noioso pezzo con Hugh Heffner che si è presentato accompagnato da quattro sventole che ha spacciato (o forse sono stati i giornalisti ignoranti) come le sue fidanzate. Non facciamo scherzi, io sono una esperta in materia e quelle non erano Holly, Kendra e Bridget. Chissà perché non le ha portate…si saranno “lasciati”…boh, in realtà non me ne importa un accidente ma chissà quanto hanno speso per far venire il gaudente Heff fino a Sanremo…e chissà perché l’hanno fatto venire….

Due parole sui vincitori: Arisa e Marco Carta.

Lei, originale ed eccentrica si è presentata sul palco vestita da clown, o così ho sentito dire da uno dei mille opinionisti che nelle mille trasmissioni di contorno hanno sprecato mille parole in mille inutili commenti: per essere precisi questo tipo ha detto che nella serata degli ospiti accompagnatori Arisa e le altre erano vestite così male (da clown appunto) che l’unica persona sessualmente appetibile è risultata l’Ornella Vanoni… ma forse aveva bevuto. Comunque tra figlie d’arte e vituosismi vocali lei è riuscita ad emergere con un look ironico (incredibili quegli occhiali tipo anni ottanta) e nuovo (ma ha una linea di abbigliamento giovane alle spalle) e una canzoncina semplice e onesta. Il suo  personaggio è riuscito sicuramente a prevalere sulla canzone e così ha vinto stracciando la ben più forte concorrenza.

Lui, già trionfatore della scorsa edizione di Amici, invece di vestirsi in modo adeguato alla sua età (anche Albano si è presentato con il giubbotto) ha scelto un look alla Peppino di Capri o alla Nino D’Angelo e si è presentato sul palco abbigliato da cameriere di una nave da crociera: con due giacche da smoking, una d’argento e l’altra d’oro. Una cosa orrenda, banale e prevedibile. La canzone è semplice e anche lei molto orecchiabile e del tipo neo melodico, alla Peppino di Capri. Evidentemente ha deciso di buttarsi su questo filone…contento lui…. Probabilmente deve la vittoria al ballottaggio finale con Povia, al televoto non se la sono sentita di far vincere l’ex gay felicemente sposato di Povia.

arisacarta1

Pubblicato 22 febbraio 2009 da euclide in Di tutto un po', Televisione, Vita in famiglia

Taggato con , , , ,

Lazzaretto   3 comments

Oggi compito in classe di matematica in terza.

C’era il pienone delle grandi occasioni, anche gli ultimi influenzati, assenti per malattia nei giorni scorsi, sono stati miracolati e sono regolarmente presenti in classe.

Ma sembrava di essere in un lazzaretto per il concerto di tossi varie (secca, acuta, catarrosa…) e di soffiate di naso. La temperatura proibitiva presente all’esterno rendeva inopportuna l’apertura delle finestre e così tonnellate di germi e bacilli vagano dall’uno all’altro,  imprigionate tra le quattro mura della classe.

A un certo punto ho detto: “Ragazzi, speriamo di avere lo stesso ceppo di influenza se no, se continuiamo a scambiarci i germi in questo modo, non ne andiamo più a casa“….e poi la settimana prossima è Carnevale, che cavolo, non vorremmo passare tutta la vacanza a letto!!!

E poi dicevano che l’influenza quest’anno non è stata molto preoccupante e che l’epidemia si sta esaurendo…..e quand’è che ricomincerà a rialzarsi la temperatura? vabbé che tutti dicono che è arrivata la Primavera ma fa un freddo figli miei!!!

Pubblicato 20 febbraio 2009 da euclide in Di tutto un po', Mondo malato, Vita scolastica

Blog”s”   15 comments

Ieri ho aperto il mio quarto blog per scrivere e commentare argomenti diversi da quelli trattati negli altri tre blog.

Con una identità, la quarta, diversa da tutte le altre e naturalmente un quarto indirizzo di posta elettronica, diverso da tutti gli altri perché l’anonimato ha un prezzo.

Ho una personalità multipla della quale dovrei preoccuparmi?

Pubblicato 16 febbraio 2009 da euclide in Di tutto un po'

Taggato con , ,

Febbre   8 comments

Come i bambini.

Erano anni che non mi facevo una influenza con febbre, al massimo qualche raffreddore di breve durata o un po’ di tosse. Rispetto ai primi anni di lavoro, quando mi facevo tutti gli anni la mia settimana di influenzetta devo essermi fatta dei buoni anticorpi se sono riuscita a passare indenne attraverso classi decimate da ondate di germi. Ed è da un po’ di tempo che prendevo in giro i colleghi dicendo che non hanno il fisico e invece…

Già Mercoledì sera avevo un forte mal di gola e Giovedì mattima mi sono svegliata con un cerchio alla testa e qualche linea di febbre. Ma da brava miss Othmar sono andata a scuola lo stesso perché avevo programmato delle attività con gli studenti che non potevo perdere … succede quando si praticano alcune forme d’arte.

La mattinata è andata abbastanza bene a parte il fatto che ho versato la bustina di zucchero sul piattino invece che nel caffé e che alla lavagna ho fatto “qualche” errore di conto, ma al pomeriggio la febbre è rapidamente salita a 39 gradi celsius rimanendoci per qualche giorno nonostante la tachipirina e l’Oki….proprio come i bambini che sono preda di febbroni alti. Ora ho ancora un po’ di febbre e un forte catarro perciò mi sa che domani la dottoressa mi darà l’antibiotico.

Meno male che avevo programmato i post con le vignette di Charlie Brown perché non avevo proprio voglia di accendere il pc. Neanche di leggere e di guardare la televisione, la cui programmazione mattutina è veramente ma veramente penosa…non perdo proprio niente passando le mie mattine a scuola.

A proposito di notizie alla televisione, non so se è stato il delirio o che cosa ma mi pare di aver sentito che ieri due ragazzini di 13 e 14 anni si sono dati fuoco per gioco e per vedere che effetto faceva e sembra che alcuni loro amici abbiano filmato la cosa con il telefonino. Se non ho capito male uno è ricoverato con gravi ustioni sull’80% del corpo…vabbé che il metodo sperimentale da importanti risultati in campo scientifico però…..

Ma il premio “imbecille totale” l’ha vinto sicuramente il 25-enne che è morto questa notte nello schianto della sua automobile. Secondo i primi accertamenti alla guida c’era suo fratello, un neopatentato di 18 anni, che era completamente ubriaco e lo schianto sarebbe avvenuto mentre il 25-enne in questione lo stava filmando con il cellulare nell’intento, probabilmente, di realizzare un filmino da pubblicare su Youtube. Il 18-enne se la sarebbe cavata con gravi ferite.

Spero che le due notizie siano scherzi di carnevale di dubbio gusto o frutto del delirio della febbre altrimenti…..poveri genitori.

Pubblicato 15 febbraio 2009 da euclide in Di tutto un po', Mondo malato, Vita in famiglia

Taggato con , ,