La scuola è uno zoo?   23 comments

Io credo di no. Vogliono farla apparire così e per questo non esitano a far leva sui peggiori istinti degli studenti e sulle loro manie di emulazione e protagonismo.

A cosa mi riferisco?

Mi riferisco al servizio che ho visto ieri sera al telegiornale. Si parlava di un sito web denominato “scuolazoo” nel quale sono raccolti i pubblicati tutti i video che gli studenti realizzano con il telefonino. Il commento della giornalista avvalorava l’ipotesi dello zoo e a titolo esemplificativo del contenuto del sito sono stati mostrati due video, evidentemente ritenuti divertenti: nel primo si vedeva uno studente che incendiava la verifica scritta perchè valutata negativamente, nel secondo si vedeva uno studente che, mentre il supplente stava spiegando qualcosa alla lavagna, gli si è avvicinato e gli ha abbassato i pantaloni.

A questo punto mi sarei aspettata dalla giornalista una dura stigmatizzazione del commento sui comportamenti dei due studenti. Il gesto dei pantaloni in particolare non mi pare per nulla divertente, anzi è una gravissima mancanza di rispetto nei confronti dell’uomo che in quel momento era supplente e per questo è un gesto di grande maleducazione.

Invece niente. E come se non bastasse ecco l’immancabile “il gesto è stato compiuto in presenza dell’insegnante che naturalmente non ha mosso un dito“.  La colpa dei fatti è stata così fatta ricadere sull’insegnante, colpevole di non essere intervenuto.  

Perchè a quanto pare il ruolo di educatori è demandato in esclusiva ai docenti: così tutti gli altri se ne possono lavare le mani. Non importa se alla televisione, sui giornali e, ahimè, in famiglia vengono proposti e incoraggiati modelli ed atteggiamenti negativi, se gli studenti sono bestie è colpa dei docenti, non colpa mia o tua o sua.

E ancora. E’ stato intervistato  l’ideatore del sito che si è detto molto divertito della cosa e contento del successo ottenuto. Anche da lui nessuna stigmatizzazione dei contenuti dei video, anzi un invito a realizzare e poi filmare altre imprese simili a queste. Il motivo mi pare più che evidente, anche lui deve la sua fama e la sua celebrità alla persistenza di questi cattivi comportamenti.

Infatti nell’home page del sito c’è un invito e soprattutto un incoraggiamento a realizzare altre imprese simili a queste: “Scuolazoo è il sito che renderà celebri le vostre imprese scolastiche!”. Perchè è questo che fa gola. L’attimo di celebrità. Non fa nulla se la celebrità è negativa, basta apparire e magari trovare il modo di andare al GF, cosa che a quanto pare è la “massima” aspirazione degli studenti……ma sarà vero o è soltanto una cosa inventata per fare pubblicità alla trasmissione GF? 

E poi via con una nuova impresa dal titolo “Arrivare in ritardo al mattino e tirare giù la porta della classe non ha prezzo” . Evviva!!! applaudiamo il vandalo!!! Lui si che è un gran “figo”, le porte non le apre ma le rompe. Deve aver pensato la stessa cosa lo studente che ieri nella mia scuola è stato fermato mentre infieriva a pugni e calci sulla porta del bagno. Peccato che l’eroe non abbia rotto la porte della sua cameretta ma quella della classe. Nella scuola. Una proprietà di tutti, non sua. Spero che gliel’abbiano  fatta pagare a peso d’oro.

E poi, per finire, il banner: Basta studiare. E’ ora di copiare. Da oggi puoi copiare senza sgamare. Clicca qui per scoprire come. Perchè oggi studiare ed avere una istruzione non è più un valore. E’ invece diventato un segno distintivo la furbizia. Perchè stupirsene, i giornali non insegnavano a eludere i controlli degli autovelox? e in periodo di Esame di Stato (fine di Maggio e Giugno) gli inserti del Corriere della Sera (non il giornale che regalano sul metro) non sono pieni di interviste con attori, cantanti e altri idoli giovanili che spiegano come sono riusciti a passare l’esame di maturità senza avere studiato e copiando la prima, la seconda e la terza prova? ma perchè gli studenti dovrebbero prendere sul serio la scuola? ecchè, sono forse fessi?

Annunci

23 risposte a “La scuola è uno zoo?

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Non credo sia uno zoo. Bensì una guerra. Il professore è stato svuotato totalmente della sua autorità. Ma ancora prima il maestro. Oltre alla funzione didattica vi fu anche una funzione educativa. Ora quaesta funzione educativa si è smarrita per la strada. “Tocca mio figlio o ti denuncio eh!”
    In bocca al lupo. Vi dovrebbero pagare 5000 euro al mese. Ci sono studenti che al posto della testa hanno un enorme e vuoto contenitore fallico.
    Maurizio

  2. @NessiSconnessi: bentornato tra noi. Il problema è che la questione dell’educazione è stata delegata esclusivamente agli insegnanti visto che a volte i genitori stessi non sono capaci di dire di no ai figli. E purtroppo dall’esterno c’è ben poca collaborazione. I 5000 euro al mese non sarebbero male anche se devo riconoscere che non tutti se li meriterebbero.

  3. Siti del genere sono una palese istigazione a delinquere.
    Non c’è che dire, l’ideatore è un vero furbastro che sfrutta la tendenza odierna del “famoso a tutti costi”.

  4. Beh… solo in questo modo si spiega come molta gente sia arrivata nella classe dov’è attualmente. Potrei andare oltre… ma è meglio fermarmi qui!

  5. @warp9: meno male che la pensi come me. E’ come quel sito che raccoglieva le note.

    @emmea: lanci il sasso e poi ritiri la mano? spiegati meglio 😉

  6. @ euclide: è difficile dover vedere ogni volta persone copiare, e magari prendere più di me.
    Capisco e giustifico la copiatura una volta quando non si è potuto studiare, ma non sistematicamente come mi capita di vedere alcune volte.

  7. Dimenticavo… e dovere ogni volta stare zitto!

  8. @euclide: la siccità di valori morali alla quale stiamo andando incontro sta assumendo proporzioni gigantesche.

  9. @emmea: perché non parli?

    @warp: sei sempre più saggio

  10. @euclide: troppo buona… :mrgreen:

  11. sai che da poco mi son stupita di leggere sulla home page di Tiscali un annuncio che portava a un articolo redazionale che faceva tipo: scopri come copiare senza farti beccare!
    :0

  12. @maviserra: sul sito studenti.it vendono addirittuta una penna magica adatta a questo scopo…potresti scriverci un articolo

  13. Ogni tanto mi viene voglia di andarmene: è come lottare contro i mulini a vento.

  14. Il rispetto nei confronti dei professori è davvero importante, ma spesso gli studenti sono portati a sottovalutare un docente per il suo metodo d’insegnamento o per il fatto che non è in grado di “tenere” una classe. Non oserei mai dire che i professori non sono in grado di fare questo, solo penso che qualcuno di essi sia capitato un po’ a caso in una scuola…
    Riguardo a ciò che dice Emmea ritengo che sia sì difficile stare in silenzio di fronte a ciò che fanno gli altri, ma forse è meglio coltivare l’erba del proprio giardino, senza guardare se quella del vicino è più verde…sbaglio??

  15. Non so quanto potrebbe essere utile dire a un professore i fatti dei compagni riguardo al copiare; credo che un professore per prima cosa si accorga se qualcuno va male perché ha copiato (un professore serio si intenda; quelli che non vengono pagati abbastanza per quanto effettivamente si impegnano)… E seconda cosa: a un certo punto è affare della persona in questione copiare e imbrogliare o meno: sarà lui a uscire dalla scuola capra. Io ho avuto tanti momenti di difficoltà per lo studio ma ho sempre cercato di impegnarmi e le volte che non lo facevo mi sono abbattuto pesantemente finché non ce l’ho fatta.

  16. quoto darionescu! a ognuno il suo, tanto poi sarà la vita a far vedere cosa valiamo, anke se…forse sarebbe meglio cominciare fin da subito a formare persone responsabili, che nn raddrizzarle dopo! La mia legge(o meglio il secondo articolo della mia legge, e so che qualcuno mi capisce ;))mi dice:
    -sono leali (sii leale)
    Chissà?!

    @euclide: tu nn hai mai copiato?andavi dai tuoi professori a dire quando i tuoi compagni copiavano?! Un bel pelo sullo stomaco(in senso “positivo”)!

  17. Penso che qui il mio pensiero sia stato male interpretato. Ho semplicemente detto “è difficile dover vedere ogni volta persone copiare”, riferendomi anche all’ultima parte dell’articolo. Questa è stata vista come una denuncia quando in realtà non lo è.

    Anonimo il secondo articolo della tua legge? Che testo è?

  18. @sciura pina: vero, bisogna tenere duro e non mollare mai. Siamo l’ultimo argine prima della barbarie.

    @stellina: non nascondiamoci dietro ad un dito. A volte i docenti, per inesperienza o perchè non sono tagliati per questo lavoro (che, ribadisco, è molto difficile), non sono bravi nel loro lavoro e non riescono a “tenere la classe”. Questo non toglie che gli studenti si debbano comunque rivolgere a lui con educazione. E che la stessa educazione la debbano avere tra loro. Non sono d’accordo sul fatto che ci si debba fare sempre e solo i fatti propri

    @darionescu: vero, i professori di norma si accorgono se uno va bene perchè ha copiato e se si sta arrampicando sui vetri. Il compito del professore è quello di non fare uscire dalla scuola delle capre ma piuttosto di far uscire dalla scuola degli aspiranti al premio nobel 😉

    @anonimo: vero, è meglio formare da subito persone responsabili piuttosto che doverle raddrizzare dopo. Sulla questione della legge non ho capito niente. Certo che ho copiato anche io. Tutti noi professori l’abbiamo fatto ai nostri tempi e per questo conosciamo molti dei trucchi che gli studenti usano. 🙂

  19. @euclide: intendi dire che alle volte è meglio far la spia invece che far passare tutto sotto silenzio?Io penso che sia alquanto difficile stare in silenzio, ma credo ci vuole proprio un bel coraggio per andare da un professore e denunciare il fatto che metà classe copiava. Primo perchè non so come reagirebbe il professore in questione e secondo perchè è una specie di atto di “tradimento” nei confronti dei compagni. se qualche studente delle tue classi venisse a dirti una cosa del genere, come reagiresti?
    Forse hai male interpretato il mio post precedente riguardo al rispetto. io non dico assolutamente che non bisogna rispettare chi insegna, ma che la causa forse per la quale ci sono certi video o certi siti su internet è che alcuni docenti non sono proprio tagliati, tutto qui.

  20. Credo che l’anonimo si riferisca alla legge scout di cui il secondo articolo è “La guida e lo scout sono leali”; almeno, la lealtà c’è anche nella legge scout 😀 Ma a questo punto la lealtà qual’è? Dirlo al prof? Tacere per lealtà verso il sistema classe? (o mandria-classe secondo alcuni prof 😀 )

  21. grazie per la dritta sai che ora me la vado a cercare questa penna?? non per me eh, la scuola l’ho finita da un pezzo (ahimè) e agli esami dell’uni ti si guarda in faccia, altro che penna magica! 😉

  22. Darionescu… legge scout? Allora se è così ho capito chi è l’anonimo!
    Vorrei ribadire però il fatto che non mi sembra di aver fatto la spia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: