Archivio per gennaio 2008

Lost   2 comments

Non sopporto Lost.

L’idiosincrasia inizia nel momento in cui sento i protagonisti pronunciare frasi del tipo “E’ il tuo destino che ti ha portato qui”, “Nulla avviene per caso”, “La resa dei conti si avvicina”. 

Sarà perché non credo alle predestinazioni e al destino, soprattutto quando a darne per scontata l’esistenza sono degli sceneggiatori di serie TV USA.

 p.s. Persone affidabili e che stimo mi dicono che la serie e molto avvincente. Chissà che dopo la 6° serie (presumibilmente l’ultima) non mi scoppi un amore tardivo come con The O.C….

Annunci

Pubblicato 31 gennaio 2008 da euclide in Di tutto un po', Televisione

Taggato con , ,

Lasciate in pace i morti   Leave a comment

Martedì 22 gennaio l’attore Heath Ledger è stato trovato morto in un loft di Manhattan.

Le fonti di informazione di tutto il mondo nel dare la notizia hanno dato per certo il fatto che si trattasse di una overdose di droga salvo poi ritrattare tutto qualche giorno dopo visto che nell’appartamento non sono state trovate tracce di droga e l’attore non ne faceva uso.

Lunedì un’altra affascinante versione ha trovato spazio sui giornali di tutto il mondo: l’attore sarebbe morto perché, impegnato ad interpretare il ruolo di Joker nel film The Dark Khight, si sarebbe talmente identificato nel personaggio da assimilarlo senza riuscire a riprendersi la propria identità. Così avrebbe vissuto chiuso in una stanza di albergo alimentandosi di incubi, libri gialli e film horror per acquisire voce, psicologia e carattere del personaggio, dormendo solo poche ore per notte e rendendo così indispensabile l’uso dei potenti sonniferi che lo avrebbero ucciso.

Vista così mi pare una stronzata.

Ma è molto peggio! è una colossale trovata pubblicitaria per promuovere un film che probabilmente avrebbe destato un modesto interesse.

Esattamente quello che è successo con il film Il Corvo, diventato un cult prima ancora di uscire grazie alla tragica morte dell’attore Brandon Lee.

E infatti veniamo a sapere che “il trailer di The dark Knight risulta tra i più cliccati di You Tube;la maschera di Joker di Ledger con gli occhi nerissimi, fondotinta bianco e sfatto e il rossetto è già emulato nei video amatoriali caricati in rete, alimentando una leggenda non ancora nata.”

 Che schifo. Lasciate in pace i morti. Non calpestate ogni cosa per raggiungere il successo.

Pubblicato 30 gennaio 2008 da euclide in Di tutto un po', Mondo malato

Taggato con , , ,

Attore?!   2 comments

Trafiletto sul giornale: 

“«Credo che la vita e il comportamento di Corona si adattino poco a rappresentare un poliziotto».

Così il segretario del Siulp, Oronzo Cosi, accoglie la notizia di una fiction poliziesca – Tieni a me -, che vede nel ruolo del protagonista il fotografo dei vip Fabrizio Corona, coinvolto in una inchiesta giudiziaria” 

Senza mancare di rispetto al signor Cosi, non sono d’accordo con lui.

Infatti non mi pare scandaloso il fatto che a Corona sia stata offerta la parte di un poliziotto ma piuttosto il fatto che a Fabrizio Corona è stata offerta una parte da attore in una fiction TV.

E tutto per sfruttare l’ondata di popolarità che si è creata attorno a questo squallido personaggio in seguito all’inchiesta giudiziaria.

 Se i produttori della fiction hanno avuto bisogno di questo mezzuccio per pubblicizzarla allora la fiction “Tieni a me” non deve essere un prodotto di alta (ma nemmeno media) qualità. Per forza: se gli attori sono tutti dello spessore di Corona…..

Pubblicato 29 gennaio 2008 da euclide in Mondo malato, Televisione

Taggato con , ,

Un processo mediatico   3 comments

Notizia dal giornale di oggi:

«Vendo biglietti per il processo per la strage di Erba a 85 euro l’uno». L’offerta, apparsa su un portale, ha resistito per un paio d’ore prima di essere ritirata quando è stata fiutata la bufala. (…) Per il pubblico saranno a disposizione 60 tagliandi distribuiti ogni mattina ad esaurimento.”

Eppure qualche sera fa al telegiornale abbiamo appreso che parecchie persone per assicurarsi un posto in platea sarebbero disposte a pagare qualsiasi cifra, al punto che il Presidente del Tribunale di Como dice che con la cifra raccolta si potrebbero risolvere tutti i problemi di carenza di carte, timbri, fotocopie e cancelleria del Tribunale di Como.

Tutto questo attenzione e morbosa curiosità della gente è sconcertante ed incredibile. Già me li vedo mentre si sbracciano per filmare o fotografare con il telefonino gli imputati e i parenti delle vittime e mi aspetto di vedere i filmati il giorno dopo su YouTube.

Che vergogna.

 Se potessi decidere io farei pagare a tutti i curiosi un biglietto di ingresso – molto salato – in Tribunale.

Pubblicato 28 gennaio 2008 da euclide in Di tutto un po', Mondo malato

Taggato con , ,

Serie TV   Leave a comment

Leggendo qua e la dal giornalino della TV: 

Medium Allison è un`aspirante avvocatessa che scopre di essere in grado di fare dei sogni premonitori e di tenere dei contatti con il mondo dei defunti. Le sue capacità vengono sfruttate per risolvere omicidi apparentemente irrisolvibili. 

Ghost Whisperer Melinda si è trasferita in una piccola città e conduce una vita apparentemente normale, se non fosse per quello che sua nonna chiamava il “dono”: Melinda, infatti, ha la capacità di comunicare con gli spiriti dei morti che continuano a vagare sulla terra perché al momento di morire hanno lasciato qualcosa in sospeso. La sua missione è quella di aiutare questi spiriti a ritrovare la pace e, nello stesso tempo, dare coraggio alle famiglie private dai loro cari. 

Tru Calling  La giovane Tru  è una studentessa di medicina che trova lavoro in un obitorio. Qui si accorge di avere uno strano potere: riesce a sentire quello che dicono i morti e rivivendo le giornate riesce a prevenire omicidi e violenze. 

The Dead Zone Jonny ha una vita perfetta, un lavoro che ama e una fidanzata che sta per sposare. Ma un incidente d’auto cancella tutto in un attimo. Cade in coma e quando dopo 6 anni si risveglia nulla è più come prima. Comincia ad essere preda di allucinazioni che in realtà non sono altro che premonizioni e che gli consentono di salvare alcune vite. 

Supernatural I fratelli Sam e Dean hanno perso la madre uccisa da un demone. Quando anche il padre scompare si recano nella cittadina di Jericho dove iniziano una lotta senza quartiere contro i demoni. 

Buffy l’ammazzavampiri  La sedicenne Buffy si trasferisce a Sunnydale con sua madre. Buffy vorrebbe vivere una vita normale, ma ancora non sa che Sunnydale giace sulla bocca dell’inferno, e questo è un problema visto che per hobby Buffy ammazza i vampiri Angel  Angel è un vampiro sopravvissuto alle grinfie di Buffy. Questo è bastato per fargli avere una serie tutta sua Streghe Dopo una infanzia relativamente normale le tre sorelle Halliwell scoprono di essere le discendenti di una potente stirpe di streghe. Inizia una lotta durata 10 anni tra loro e demoni di tipo vario con il contorno di angeli bianchi e neri, fate, troll, hobbitt e chi più ne ha ne metta.  

Ma gli sceneggiatori americani si sono bevuti il cervello? Non riescono a partorire niente altro che roba di vampiri, demoni o gente che parla con i morti? Possibile che non riescano a scrivere di persone normali che vivono una vita normale?

Dove sono finiti gli sceneggiatori della famiglia Bradford 

E poi siamo sicuri che certi telefilm siano meglio dei programmi di intrattenimento? 

In realtà bisognerebbe chiedersi cosa passa nella testa dei distributori italiani che sono i veri responsabili della messa in onda di certe porcherie.  

Una sola domanda. Come si può giustificare il fatto che un VERO GIOIELLO come la serie Frasier sia arrivata in Italia solo dopo che in USA avevano smesso di girarla?  

Basta questo per capire tante cose.

Che tempo che fa   2 comments

Che bello quando alle 20,10 della Domenica inizia su Rai3 la trasmissione “Che tempo che fa” condotta da Fabio Fazio.

Finalmente un luogo nel quale persone intelligenti discorrono in modo garbato e pacato di cose interessanti.

Che differenza con altre trasmissioni della Domenica pomeriggio!!

Pubblicato 21 gennaio 2008 da euclide in Televisione

Taggato con , , ,

Le ragazze di Playboy   9 comments

Facendo zapping tra i canali del pacchetto Sky si incontrano cose da non credere. Una di queste per esempio è il programma Le ragazze di Playboy (titolo originale The girl of the Playboy Mansion), in onda sul canale E! Entertainment.

Per chi non lo sapesse il canale E! Entertainment  trasmette quasi esclusivamente trasmissioni che raccontano le “storie vere” di personaggi famosi quali attori e cantanti o la “storia vera” di serie tv di successo e dei suoi protagonisti. Le trasmissioni sono tutte made in USA e sono spesso prodotti vecchi e datati che vengono tradotti e trasmessi al pubblico italiano senza che venga operato nessun intervento per aggiornarne i contenuti. Così può capitare di vedere nel 2008 biografie di attori morti da decenni nelle quali non appare, neanche sotto forma di una scritta nell’ultimo fotogramma e di una voce fuori campo, la notizia della morte del personaggio (per loro John Waine è ancora vivo).

Le ragazze di Playboy  invece è un programma, o meglio un reality, abbastanza recente (roba di 1 o 2 anni fa). Protagoniste sono Holly, Bridget e Kendra, appunto le ragazze di Playboy, che non sono altro che le fidanzate (?!) dell’ottantenne Hugh Heffner, il proprietario dell’impero di Playboy. Questo almeno è quello che vogliono farci credere.

Dalla trasmissione veniamo a sapere che il gaudente Hugh vive in una magione gigantesca nella quale, tra cuochi, camerieri, aiutanti, autisti, giardinieri, segretarie e chi più ne ha più ne metta, lavorano centinaia di persone.

Nella villa e nelle dependance vengono ospitate le cosiddette conigliette, cioè le ragazze (le playmate) che posano per la rivista e delle quali a Hugh piace contornarsi nelle occasioni mondane. Tra le decine di conigliette ce ne sarebbero 3 in particolare – le cosiddette fidanzate – e cioè Holly, Bridget e Kendra.

Le 3 ragazze sono bionde (così tanto che è sicuramente un biondo finto per almeno 2 delle 3), hanno una età indecifrabile e vivono nella villa senza fare praticamente niente con i loro (orribili) cagnetti. Ma come dice Bridget, che a quanto pare è l’intellettuale del gruppo, “Fare la fidanzata di Hugh è un lavoro”. Delle altre 2 che dire….Kendra, la più giovane, è grezza, vagamente maleducata e ride in modo sguaiato e molto rumoroso (non sembra che abbia altre qualità degne di nota) mentre Holly , che sembra decisamente più sveglia, ha l’ambizione di lavorare per la rivista e a volte collabora ai servizi fotografici.

Fin qui non ci sarebbe nulla di male (contenti loro…) se non fosse che, e la cosa che mi pare veramente da non credere, le 3 fidanzate vivono in una condizione di concubinaggio con Hugh il quale, grazie ad un massiccio uso di Viagra (del quale non fa mistero) non manca di trastullarsi con tutte e 3.

E così in trasmissione è tutto un “amore di qui”, “amore di la”, “quanto amo Hugh” (?!), “Hugh è il mio unico amore” (??!!) , “noi 4 siamo ormai una famiglia” (???!!!)………..

 Ma non si rendono conto della condizione moralmente degradante in cui vivono? Vale la pena di pagare questo prezzo per vivere in una villa lussuosa? Tutte le volte che capito su questo programma rimango completamente senza parole.

Pubblicato 18 gennaio 2008 da euclide in Mondo malato, Televisione

Taggato con , , , , , ,